Il tetto ventilato: funzionamento e vantaggi

Il tetto ventilato è un tipo di copertura nel campo dell’edilizia che permette l’evaporazione della condensa che si crea in casa a causa nell’umidità.
Questo elemento fa si che l’umido proveniente dall’esterno non entri nell’abitazione. Questo infatti potrebbe creare dei danni come infiltrazioni, perdite ma anche muffa e batteri che possono nuocere sia alla salute che alla casa stessa.
Il tetto ventilato è un sistema tetto completo formato, nella maggior parte dei casi , da cinque strati. La sua base è solida in modo da aderire bene alla casa, sulla quale viene posizionato uno strato termoisolante.
Sopra ad esso si trova uno strato completamente vuoto. Questo strato, detto intercapedine di ventilazione ha la funzione di spingere l’umidità fuori, passando prima attraverso un’altro livello isolante e poi in quello che ha la funzione di copertura.
Il funzionamento del tetto si basa su principi completamente naturali. L’aria, con al suo interno il carico di umidità, diventa più calda e tende a salire in alto e poi ad uscire. La stessa aria, va verso il soffitto e viene poi filtrata dai diversi strati del tetto stesso. Al contrario se l’aria che entra è fredda, rimane all’interno dell’intercapedine, cosi da riscaldarsi e risalire nuovamente. Il tetto ventilato permette all’abitazione di mantenersi calda in inverno e fredda in estate, cosi da diminuire l’uso di climatizzatori e impianti di riscaldamento in generale.
Va precisato però che questa coperturs edile deve essere realizzata da una azienda specializzata, in modo da ottenere la migliore prestazione. Un errore può creare seri problemi per la casa ma anche per le persone che òa abitano.

I vantaggi del tetto ventilato

I vantaggi del tetto ventilato sono molti, sia dal punto di vista economico ma anche dal punto di vista ecologico.
Un primo vantaggio che si può riscontrare è l’efficienza dell’isolamento termico. La sua caratteristica composizione permette di far uscire l’umidità dalla casa, cosi da diminuire/aumentare il freddo o il caldo in base alle stagioni. La temperatura percepita sarà più confortevole, permettendo un sensibile risparmio in bolletta.
Il secondo importante vantaggio è la sicurezza nel caso di pioggia e neve. Il tetto ventilato, grazie alla presenza dell’intercapedine, non permette all’acqua di entrare. Essa infatti viene trasformata in vapore che esce prima ancora di stanziare nelle stanze della casa. Nel caso in cui la neve o la pioggia rimangano per giorni nel tetto, poi, le mura dell’abitazione rimarranno sempre asciutte.
Il tetto ventilato permette inoltre di ridurre l’inquinamento, in quanto consente di ottimizzare l’uso di termosifoni, climatizzatori e cosi via. La casa quindi avrà un ridotto impatto ambientale. Un argomento a cui (per fortuna) sempre più gente dimostra particolare sensibilità.
Quando il tetto ventilato viene istallato si può usufruire di sconti fiscali, in quanto viene ritenuta un opera di efficientamento energetico. Nel momento della compilazione della dichiarazione dei redditi si può usufruire di particolari sgravi fiscali.

Related posts

Leave your comment Required fields are marked *