Come effettuare la manutenzione della canna fumaria

Effettuare una corretta manutenzione della canna fumaria è molto importante, in questo modo si potrà godere di tutti i benefici del camino senza che fuliggine e fumo entrino dentro casa.

Ma non è solo questo il problema causato da una cattiva manutenzione della canna fumaria perché, se non vengono fatte manutenzioni e pulizie opportune, si rischia di andare incontro a incidenti anche gravi, dovuti al malfunzionamento che può essere l’anticamera dell’autocombustione.

Proprio per evitare tutto questo, la normativa tecnica UNI 10847:2000 ha indicato delle linee guida da seguire. In queste sono indicate anche le periodicità degli interventi che variano a seconda del tipo e della quantità di combustibile usato e dal tempo del funzionamento, ossia quanto si usa il camino o la stufa.

Quando effettuare la manutenzione della canna fumaria

La manutenzione e la pulizia della canna fumaria andrebbe effettuata periodicamente, ogni due anni, a seconda del modello di camino del quale si dispone. Ogni impianto, infatti, è diverso per forma e dimensione e potrebbe aver bisogno di interventi più o meno frequenti i quali, in linea generale, sono indicati dal costruttore.

Tuttavia ci sono segnali molto chiari che fanno ravvisare il bisogno di pulizia e manutenzione della canna fumaria. Tra questi il più evidente è la presenza di fumo all’interno degli ambienti, ma anche una caduta di fuliggine eccessiva o la presenza della stessa sul pavimento del focolare possono rappresentare degli elementi significativi di ostruzione della canna fumaria.

Il periodo migliore per effettuare una manutenzione della canna fumaria è in genere l’autunno, ossia prima della stagione invernale. Questo permetterà anche di eliminare eventuali nidi di uccelli che si sono formati quando il camino o la stufa non venivano utilizzati.

Come effettuare la pulizia della canna fumaria

La pulizia della canna fumaria è un’operazione che va affidata a dei professionisti che potranno così garantire la riuscita delle operazioni in tutta sicurezza.

Gli strumenti indispensabili all’operazione sono fondamentalmente due: uno scovolo e un’asta. In base al tipo di manutenzione da effettuare potrebbe essere utile anche una fune.

Lo scovolo è una spazzola con denti metallici che può avere diverse dimensioni a seconda della lunghezza della canna fumaria che dovrà essere pulita. In commercio esistono molte tipologie di spazzole: un vero professionista saprà scegliere quale utilizzare in base al materiale con il quale è fatta la canna fumaria (per esempio nelle strutture in acciaio vanno usati scovoli non abrasivi con setole in nylon o peck).

L’asta è un bastone con inserti snodabili e regolabili che permetterà di raggiungere anche i punti più difficili mentre la fune servirà da sostegno per lo scovolo nel caso in cui si proceda a una manutenzione dall’alto.

Per la pulizia vera e propria possono essere utilizzati due metodi: procedendo dall’alto o dal basso.  Se si opta per la prima tipologia di pulizia occorrerà salire sul tetto e aprire il comignolo spostando la parte finale dello stesso. Dopo aver svolto questa operazione si dovrà impugnare la spazzola e farla scorrere all’interno della canna fumaria per tutta la sua lunghezza.

Per evitare che le stanze dov’è disposto il camino o la stufa si riempiano di polvere e fuliggine è consigliabile, prima di eseguire la pulizia, chiudere la bocca del camino sigillandola con delle pellicole e nastro adesivo o tappare il tubo della stufa.

Se invece non è possibile salire sul tetto è possibile anche effettuare la manutenzione della canna fumaria agendo dal basso. Anche in questo caso dovrà essere fatto passare lo scovolo all’interno della struttura per tutta la lunghezza della stessa.

Related posts

Leave your comment Required fields are marked *